Arrivo a Le Bourg d'Oisans


Lundi 26 Settembre 2011


Questa è stata decisamente la notte più fredda fino ad ora. Ad un certo punto della notte ho dovuto mettermi la maglia e i pantaloni lunghi della tuta, anziché dormire in mutante nel mio caldo sacco a pelo invernale. Tutto il processo di aggiunta dei vestiti è stato fatto logicamente senza azzardarsi ad uscire dal sacco a pelo!

Sveglia a 7:30 e in pochissimo, grazie al freddo, eravamo già pronti per partire.
Oggi niente colazione subito perché i 700g di biscotti che avevamo appena comprato sono durati un giorno solo. Abbiamo fatto una sosta al primo supermercato per prendere del cibo, ma era ancora chiuso, apriva alle 9... Lì ci siamo mangiati l'ultima barretta di cioccolato fondente che ci rimaneva e siamo ripartiti in cerca di un posto per far colazione.

A Briançon abbiamo effettuato il primo acquisto francese! Entriamo io e Davide nel centro commerciale e con ottimo spirito d'adattamento, da buon francese me ne esco con due baguettes sotto le ascelle.

Colazione:
  • 2 baguettes
  • 1 flute (una baguette larga il doppio del normale)
  • marmellata ai framboise (lamponi) (ovviamente è finita tutta!)
  • burro
  • the ai lamponi
Ora siamo davvero pronti a partire!

Come sempre partenza in salita, ma oggi, visto il freddo, era anche un po' gradita. Solo che in teoria da Briançon la strada doveva essere tutta in discesa. Una passeggiata da 80km insomma...
Purtroppo nell'altimetria mancava un passo da a fare a più di 2000 metri. Anche oggi bisognava convincere le nostre gambe a lavorare sodo.

Dopo le ultime due tappe, in cui abbiamo seguito i percorsi del Giro d'Italia, oggi era la volta del Tour de France!

Tutto sommato però ne è valsa la pena fare questa salita imprevista: paesaggi mozzafiato e le gambe hanno retto bene!
E poi... la discesa con i curvoni a 60 all'ora... che goduria!
80 km percorsi in questa tappa, con 1000m di dislivello fatti in salita. Ora siamo a 600km in totale.

In cima alla salita (Col de Lautaret) ci fermiamo e ordino "Trois café espresso très serré", e dopo i caffè e mille zollette di zucchero si parte per la discesa, dopo essersi coperti al meglio (tra l'altitudine e l'elevata velocità fa freddo a scendere).

I francesi rispettano le biciclette ed è anche pieno di piste ciclabili, altro che quel che abbiamo visto in Italia...

Anche il campeggio di oggi è molto bello e, grazie allo sconto "arrivo in bici", è anche economico: 23€ in 3 per un 4 stelle. Peccato per la piscina che è stata chiusa proprio ieri... (non è nemmeno la prima volta che ci capita)
Ne approfitto per andare a fare qualche foto al magnifico paesaggio che ci circonda (siamo a due passi da "Les deux alpes")
Ti piace questa pagina?